© 2019 by MICHELE MATTIA PSICHIATRA PSICOTERAPEUTA FMH.

Con Burnout si indica una sindrome di esaurimento che può svilupparsi in modo strisciante su un lungo periodo in seguito ad esempio a stress e spesso colpisce proprio le persone più impegnate. 

 

I segni premonitori possono essere costituiti da:

  • un progressivo trascurare le proprie esigenze

  • limitare i propri rapporti sociali ai rapporti di lavoro

  • paura di fallire

  • vivere il proprio lavoro come una fatica

  • incapacità a rilassarsi

  • modifiche nel comportamento per quanto riguarda la cura della propria salute: mancanza di sonno o movimento, alimentazione irregolare, pause insufficienti

 

Sintomi del burnout:

  • depersonalizzazione (senso di estraneità verso se stessi): perdita di sentimenti positivi nei confronti degli altri, frequenti reazioni irritate nei confronti dei dipendenti, colleghi e clienti, atteggiamento cinico/ironico, difficoltà a immedesimarsi negli altri

  • rendimento cognitivo ridotto: difficoltà di concentrazione, incapacità di assimilare nuove informazioni, mancanza di creatività e di motivazione

  • esaurimento emotivo: sentirsi svuotati e annullati dal proprio lavoro, fare uno sforzo eccessivo per eseguire il proprio lavoro, stanchezza persistente dopo che ci si è alzati al mattino, sensazione di impotenza

  • vari disturbi psicosomatici

 

Misure strutturali e comportamento che i dirigenti devono adottare per promuovere la salute dei lavoratori:

  • effettuare un'accurata valutazione del potenziale e delle competenze di un dipendente rispetto alle mansioni e alle funzioni che deve svolgere

  • fornire un feedback positivo rispetto ai successi ottenuti e manifestare tolleranza per i singoli insuccessi

  • assicurare delle possibilità di sviluppo sul lavoro

  • promuovere un buon equilibrio tra lavoro e vita privata dei lavoratori

  • comunicare apertamente, ascoltare

  • delegare e dare fiducia, promuovere l'autonomia

  • rimuovere i tabù riguardanti lo stress e il burnout

 

Mezzi efficaci che i lavoratori possono impiegare per prevenire il burnout:

  • curare i rapporti sociali nella vita professionale e privata

  • definire la propria posizione nel modo più chiaro possibile/descrizione del proprio lavoro

  • parlare dei problemi

  • gestione del proprio tempo: fare in modo di avere sufficienti momenti di riposo durante la giornata

  • imparare a dire di no agli altri e a se stessi

  • avere fiducia in sè stessi e nelle proprie capacità